Tre mesi di  proroga per la commissione storica che fara’ luce su ‘Schindler d’Irpinia’
Roma, 13 giu. (Adnkronos) – ”I lavori sul dossier Palatucci saranno prorogati di tre mesi: si va al 17 settembre”. Lo dice all’Adnkronos lo storico Michele Sarfatti, direttore della Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (Cdec Onlus) di Milano, l’ente che su mandato dell’Ucei sovrintende le ricerche su Giovanni Palatucci, riconosciuto dalla Chiesa servo di Dio. Un trimestre di proroga dei lavori, dunque, rispetto alla scadenza del mandato che era fissato a martedì 17 giugno.
Con l’obiettivo di fugare le ombre sullo ‘Schindler d’Irpinia’, l’Unione delle Comunita’ ebraiche italiane ha dato mandato al Cdec di sgombrare il campo da eventuali equivoci relativi alla figura dell’ex questore di Fiumei, proclamato Giusto tra le Nazioni dallo Yad Vashem nel 1990 per l’opera di soccorso prestata agli ebrei. ”La quantità di carte da esaminare -spiega Sarfatti- si è rivelata più consistente di quanto ci aspettassimo. Possiamo dire concluso l’esame delle questioni di ordine generale, ma dobbiamo approfondire più di quanto avessimo previsto inizialmente le singole storie individuali che riguardano l’operato di Palatucci. Pensiamo che i casi da approfondire siano circa 15 in fase di definizione”. ”Metteremo un punto fermo, ma non parola fine -sottolinea ancora il direttore del Cdec- perché una commissione non esaurisce il lavoro di approfondimento dei singoli storici. In quella relazione, però, diremo ciò che siamo riusciti ad accertare con serietà scientifica”.
I sette esperti coordinati da Sarfatti sono Mauro Canali (Universita’ di Camerino), Matteo Luigi Napolitano (Universita’ degli Studi Guglielmo Marconi), Marcello Pezzetti (Fondazione Museo della Shoah di Roma), Liliana Picciotto (responsabile ricerche storiche della Fondazione Cdec), Micaela Procaccia (dirigente della Direzione generale per gli archivi del ministero dei Beni e delle Attivita’ Culturali e del Turismo), Susan Zuccotti (Centro Primo Levi, New York). 

Cerimonia premiazione 3^ annualità Concorso Palatucci

IMG_2106 Sabato 31 maggio alle ore 10,30, presso la Sala Consiliare dell’Amministrazione Provinciale di Rovigo, si terrà la cerimonia di premiazione dei vincitori della terza edizione del concorso “Giovanni Palatucci……..tutta un’altra storia”.
Quest’anno l’evento realizzato grazie all’impegno della Provincia di Rovigo ed all’opera competente e tenace del nostro Referente in loco e Presidente del Comitato Palatucci, Cav. Flavio Ambroglini, assume un particolare significato per il coinvolgimento dei ragazzi degli istituti d’istruzione secondaria di primo grado e per il grande interesse suscitato dall’argomento anche presso la Comunità degli Italiani di Fiume

Carissimi amici,
Vi invio in allegato, il testo del mio intervento stampa relativo al viaggio d’istruzione compiuto dal Comitato Palatucci di Rovigo a Fiume, unitamente alla Scuola Media “G.Bonifacio” – Ist.Comprensivo Rovigo 1 – nell’ambito del progetto didattico (storico/sociale) sul confine orientale.
Allego altresì alcune fotografie e non appena pronti, Vi invierò la rassegna stampa dell’evento.
Grande compiacimento è stato espresso dalla Comunità Italiana di Fiume, per l’iniziativa e la scuola SE GELSI – facente parte delle scuole italiane di Fiume – probabilmente parteciperà all’edizione 2014-2015 del Concorso (4^ed.ne) dedicato a Giovanni Palatucci, che di fatto diverrebbe a valenza internazionale.
Vi terrò come sempre informati ed a breve Vi relazionerò sull’esito della 3^ edizione del concorso, appena conclusa, le cui premiazioni si terranno nella splendida cornice della palladiana “Villa Badoer” di Fratta Polesine, ospiti dell’Amministrazione Provinciale di Rovigo che da sempre ci supporta e la cui Presidente – Dr.ssa Tiziana Virgili – fa parte del Comitato.
Un fraterno saluto.

Flavio Ambroglini

Comitato Palatucci Rovigo – Viaggio a Fiume 24.4.14

[cycloneslider id="3"]

palatucci_cover_primaDa Giusto tra le Nazioni per aver salvato più di cinquemila ebrei a fanatico collaboratore dei nazisti. Questo lo strano destino di Giovanni Palatucci, Medaglia d’oro al merito civile per la Repubblica italiana e Servo di Dio per la Chiesa cattolica, al centro di pesanti accuse nel corso del 2013. Dov’è la verità? Giovanni Palatucci fu veramente un instancabile salvatore di perseguitati o accompagnava le sue vittime nei campi di concentramento? La sua storia, a lungo dimenticata, è stata costruita “a tavolino” dal Vaticano e dallo Stato italiano per ricostruirsi, come è stato detto, “una verginità”? Alcune cose nella sua vicenda non tornano. Ma anche alcune tesi accusatorie non sono precise e chiare, anzi. E così, Nazareno Giusti ha deciso di far chiarezza su questa complicata e scottante vicenda, resettando tutto e ripartendo da zero. Per far ciò è andato a ricercare le persone che hanno “incontrato” la figura del poliziotto italiano. Partendo da un ritaglio di giornale, Giusti, ha ricostruito, come in un mosaico, l’opera e la personalità di Palatucci attraverso le testimonianze, tra le altre, di: Giovanni Preziosi, Massimo Occello, Ennio Di Francesco, Roberto Malini, Angelo Picariello, Toni Capuozzo, Rocco Buttiglione. Ne è venuta fuori una riscoperta di una figura di grande spessore e attualità, con sfumature inedite.

Il libro può essere ordinato semplicemente scrivendo una mail a: tralerighelibri@yahoo.it

prezzo: 15 euro (comprese spese di spedizione)

Carissimi,
Si comunica che il giorno 23 Aprile il Presidente Don Angelo e il Segretario Sergio Raimo, si recheranno in visita presso Campagna (SA).

22 ottobre 2014, 5:09
Parzialmente Nuvoloso
Parzialmente Nuvoloso
20°C
Pressione: 1000 mb
Umidità: 83%
Vento: 3 m/s SE
 
ottobre: 2014
L M M G V S D
« giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031